@StartCupLazio 2016: conosciamo i finalisti - RIDE

 RIDE, Remote Intention Detecting Emulator

Un casco da motociclista con integrato un EEG wireless, per il controllo delle frecce della moto e la rilevazione di situazioni di emergenza.

Dall'Università di Roma 3, RIDE, il dispositivo costituito da un casco da motociclista all’interno del quale sono presenti elettrodi da Elettroencefalogramma (EEG) in grado di leggere segnali fisiologici provenienti dal cervello, durante la guida, e trasmetterli wireless alla CPU della moto, al fine di controllare alcune funzioni.

Pensando alla curva, l’EEG elaborato può permettere l’attivazione delle frecce; in caso di pericolo percepito la sensazione genera particolari segnali EEG a seguito dei quali i freni possono essere pre-attivati e l’erogazione della potenza della moto può essere controllata. Il sistema pertanto può funzionare da controllo volontario e involontario di prevenzione nella guida della moto.

Non esistono al momento sistemi che utilizzano segnali elettrofisiologici nel campo automotive, riteniamo che integrare questi segnali con le informazioni acquisite dal veicolo sia qualcosa di fattibile e che possa portare notevoli benefici in termini di sicurezza stradale.

 

 

AllegatoDimensione
RIDE_scheda_stampa_rm3.doc249 KB
tags: